Italia-Umbria-Terni

Informazioni di viaggio

La Casella è un Eco Resort che sorge nel cuore della verde Umbria, più precisamente a Ficulle, in provincia di Terni. La struttura è composta da una serie di antichi casali, riconvertiti secondo il modello dell'albergo diffuso. In questa magica location si fondono alla perfezione le suggestioni di un passato aristocratico e il calore di un'ospitalità semplice e accogliente, che creano per te un ambiente unico nel quale potrai lasciarti alle spalle il caos della vita di tutti i giorni e ristabilire un rapporto più armonioso con la natura. La posizione è centrale per visitare Siena, Chianciano, Montepulciano, Arezzo, Cortona, Firenze, oltre ad essere un borgo con una suggestiva identità in cui sarà piacevole passeggiare.

SERVIZI: La struttura mette a disposizione degli ospiti un'area benessere nella quale è possibile concedersi attimi intensi di relax all'insegna del wellness. Sono numerosi i trattamenti di cui si può beneficiare in questi ambienti dalla sauna al bagno turco, passando per massaggi di ogni genere. Al piano superiore si trova una sala panoramica nella quale è possibile rilassarsi praticando yoga, pilates e ginnastica posturale, godendo dell'impareggiabile panorama sull’incantevole paesaggio umbro. 

CAMERE: La struttura La Casella di Ficulle dispone di trentadue camere in tutto, dislocate in quattro casali. Tutte le camere possiedono servizi privati ed alcune sono romanticamente arredate con letti a baldacchino e caminetti.

INIZIO SOGGIORNO: Sabato dalle ore 16:00, il giorno di uscita rilascio entro le ore 10:00.

ANIMALI: Non ammessi.

IL PREZZO INCLUDE PULIZIA FINALE, BIANCHERIA E CONSUMI.

Tessera club obbligatoria euro 25 a persona a settimana.

Animali ammessi con supplemento di euro 50 per la pulizia extra dell'appartamento.
Angolo cottura a cura del cliente in alternativa con addebito di euro 30.                       

Terni non è solo la città delle acciaierie, del ferro e del fuoco, ma è un luogo che riserva grandi sorprese frutto di una storia millenaria.
Città moderna che si integra perfettamente con il nucleo più antico, Terni è circondata da paesaggi che hanno incantato i visitatori nel corso dei secoli: un territorio ricco di verde, di acque (anche celebri come quelle di San Gemini), di borghi medievali, di meraviglie della natura come la Cascata delle Marmore e il lago di Piediluco.
Terni è anche la città di San Valentino, protettore degli innamorati. 
La basilica, che ne custodisce il sepolcro, è meta continua di pellegrinaggi, mentre ogni anno l'intera città dedica importanti eventi al santo patrono, che culminano nella festa del 14 febbraio.

Sulle pendici delle montagne, le cui cime in inverno si coprono di neve, e sulle alture che dominano il corso del Nera, piccoli borghi medievali con le loro torri di pietra fanno da sentinelle. 
E' lo straordinario scenario fuori dal tempo dell'ultima parte della Valnerina, del tratto cioè che, subito dopo il borgo di Scheggino, entra nel territorio della provincia di Terni.
Tanti i paesini e i luoghi di interesse in questa zona: Ferentillo è il regno dell'arrampicata sportiva; Arrone è il punto di partenza per le discese in canoa o in gommone; Casteldilago, Montefranco e l'abbazia di San Pietro in Valle.  

Su tutto domina la possente mole della rocca, il castello fatto costruire dal cardinale Albornoz. Sotto, adagiato alle sue pendici, si sviluppa uno dei borghi meglio conservati dell'Umbria: Narni, con le sue torri, le fontane, le chiese gotiche e romaniche. In questi paese è possibile vivere le emozioni e le atmosfere di un Medioevo che diventa quanto mai reale durante le celebrazioni della Corsa all'Anello, tra la fine d'aprile e la prima metà di maggio. 
In questo periodo, ogni anno, è possibile assistere al torneo cavalleresco e partecipare a spettacoli e rievocazioni storiche e gustare i sapori del Medioevo nelle taverne. 
Tutto il territorio narnese propone suggestioni di questo tipo: da Calvi con le sue feste tradizionali, a Otricoli, dove si possono visitare i resti di una delle città romane più interessanti del centro Italia, con il suo anfiteatro e il porto fluviale sul Tevere. 
Un territorio intatto, dove la natura e le architetture, tra cui le antichissime mura ciclopiche di Amelia, dialogano in grande armonia. 
Fitti boschi e montagne, colline e oliveti, oasi naturalistiche lungo il corso del Tevere, castelli affascinanti come quelli di Alviano e di Giove, torri di guardia e antichi borghi in cui spiccano, come gioielli, le facciate e i campanili eleganti delle chiese romaniche.

L'Amerino racchiude in pochi chilometri quadrati il meglio dell'Umbria: un luogo dove il tempo sembra non essere trascorso e dove l'eccezionale gastronomia si esprime appieno nelle tante sagre che tra la primavera e l'estate animano i borghi. 
La rupe di Orvieto (Urbs Vetus, la città vecchia) dominata dal Duomo, è l'immagine simbolo di questo territorio, conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo. La splendida facciata della cattedrale, i mirabili affreschi di Luca Signorelli rendono Orvieto una delle mete più apprezzate dai turisti di tutto il mondo. 

Inoltre, accanto ai monumenti più famosi si possono scoprire mille angoli nascosti della città degli Etruschi, dei suoi sotterranei, del suo ampio comprensorio ricco di vigneti (dove si producono i celebri vini bianchi), di castelli, di pievi... Di una qualità della vita che si ritrova nella gradita arte culinaria (Orvieto è capitale dello slow-food), nelle vecchie architetture così come negli attenti restauri che non di rado fanno innamorare i visitatori fino al punto da convincerli a restare qui per sempre.

Nessuna disponibilità.